L'Auditorium

Valutazione attuale:  / 13
ScarsoOttimo 

"Prima che si riapra il sipario sulla stagione artistica all'Auditorium Diocesano intestato alla dolce memoria di Mons. Francesco Tommasiello, si bussa alla porta del Vescovo per un pensiero di augurio e di benedizione.

Sono stato nello scorso luglio a visitare il sito archeologico del Monte San Nicola a Pietravairano, un sito scoperto da pochi anni a partire dalle foto scattate da un aereo in volo amatoriale. Sulla sommità si trovano i resti di un tempio grecoromano ed in asse, poco più in basso, sfruttando il declino del monte, i resti di un anfiteatro.

La vicinanza dei due manufatti non è casuale, affermano gli esperti perchè nell'antichità l'attività teatrale nonera in antagonismo con la ritualità religiosa (come accadrà nei secoli a seguire), ma oerfettamente in asse e collegate.

Nel tempio si offrivano sacrifici agli dei, nello spazio attiguo si veneravano i morti (ci sono in quel sito anche resti di tombe), e nel teatro si rappresentava la vita e la morte che aveva sugli spettatori un potere cartartico.

Le distinzioni che poi sono diventate separazioni se non opposizioni tra i tre ambiti sono avvenute in seguito.

Auguro agli spettatori e agli attori della Stagione Teatrale teanese di ricuperare l'unità che tiene ubiti cielo e terra, amore e dolore, morte e vita. Il comune denominatore, nuovamente da cercare, resta l'uomo."

Teano, novembre 2014

SE Mons. Arturo Aiello